misabellC Tour (^.^=)

free counters

venerdì 30 aprile 2010

Roberto Carifi


La Poesia italiana del Secondo Novecento - The italian Poetry of the second half of the 20th century

Roberto Carifi





E' nato nel 1948 a Pistoia, dove risiede. Tra le sue raccolte di poesia ricordiamo: Infanzia (Società di Poesia, Milano 1984); L’obbedienza (Crocetti, Milano 1986); Occidente (Crocetti, Milano 1990); Amore e destino (Crocetti, Milano 1993); Poesie (I Quaderni del Battello Ebbro, Porretta Terme 1993); Casa nell’ombra (Almanacco Mondadori, Milano 1993); Il Figlio (Jaka Book, Milano 1985); Amore d’autunno (Guanda, Parma-Milano 1998); Europa (Jaka Book, Milano 1999). Tra i saggi: Il gesto di Callicle (Società di Poesia, Milano 1982); Il segreto e il dono (EGEA, Milano 1994); Le parole del pensiero (Le Lettere, Firenze 1995); Il male e la luce (I Quaderni del Battello Ebbro, Porretta Terme 1997); L’essere e l’abbandono (Il Ramo d’Oro, Firenze 1997); Nomi del Novecento (Le Lettere, Firenze 2000). E’ inoltre autore di racconti e traduttore, tra l’altro, di Rilke, Trakl, Hesse, Bataille, Flaubert, Racine, Simone Weil, Prévert, Rousseau, Bernardin de Saint-Pierre. Ha collaborato e collabara ai maggiori quotidiani italiani ed è redattore del mensile "Poesia".



Bibliografia essenziale

M. Baudino, Nel mitico mondo di Carifi, "Gazzetta del popolo", 19 settembre 1979;

C. Viviani, Il mito e il nuovo inquilino, "Il Giorno", 7 ottobre 1979;

F. Ermini, Il mito per relazionarsi al reale, "Il quotidiano dei lavoratori", 13 marzo 1982;

G. Giudici, Il gesto di Callicle, "L’Espresso", n. 40-41, ottobre 1982;

A. Porta, Il gesto di Callicle, "Alfabeta", n. 41, ottobre 1982;

M. Spinella, La microfisica del significante poetico, "Rinascita", n. 32, 1982;

G. Raboni, Qui sento odor di buoni versi, "Il Messaggero", 20 giugno 1984;

T. Kemeny, Infanzia, "Il piccolo Hans", n. 46, 1985;

M. Baudino, Al fuoco di un altro amore, Jaca Book, 1986;

F. Masini, L’anima e la forma nei versi di Carifi, "Avvenire", 1° novembre 1986;

P.F.Iacuzzi, Il paradosso della poesia italiana degli anni ottanta, "Paradigma", n. 7, 1986;

B. Frabotta, Utopisti e menestrelli, "L’indice", n. 7, luglio 1987;

R. Mussapi, Nostalgia del tragico, "Corriere del Ticino", 14 novembre 1987;

I Quaderni del Battello Ebbro, n. 5, aprile 1990 (con saggi di V. Giuliani, P.F. Iacuzzi, F. Sessi, L. Tassoni, I. Vincentini);

T. Di Francesco, Basso continuo del rumore bellico per litanie epiche sull’occidente, "Il Manifesto", 9 novembre 1990;

M. Cucchi, Il filo del tramonto e del rimpianto, "Il Giornale", 9 dicembre 1990;

P. Bigongiari, La poesia, il luogo del ritorno a casa, "La Nazione", 29 marzo 1991;

A. Mazzarella, La lingua continua a battere dove la carità duole, "Il Mattino", 1° maggio 1991;

F. Loi, Il buio mondo che ci avvolge, "Il Sole 24 ore", 10 marzo 1991;

F. Rella, Il lato oscuro delle cose, "La Repubblica", 16 marzo 1991;

E. Gatta, Sul vuoto appesi alla parola, "La Nazione", 11 febbraio 1992;

S. Crespi, Amore senza tempo, "Il Sole 24 ore", 3 ottobre 1993;

R. Copioli, E per musa ispiratrice la nostalgia, "Avvenire", 16 dicembre 1993;

L. Carra, Classici pensosi versi, "Gazzetta di Parma", 31 dicembre 1993;

A. Donati, Amore per una donna e per il nulla, "il Giorno", 24 ottobre 1993;

E. Gatta, Gli amori di Carifi, "La Nazione", 10 novembre 1993;

B. Manetti, Carifi il poeta errante, "La Repubblica", 8 novembre 1993;

D. Attanasio, Amore e morte trascendenti segreti, "Il Manifesto", 9 giugno 1994;

R. Copioli, Carifi: il desiderio è mitico, "Avvenire", 14 maggio 1994;

E. Grasso, L’amore quando il lume si spegne, "L’Unità", 24 gennaio 1994;

A. Donati, Intervista a Roberto Carifi, "Il Giorno", 24 aprile 1994;

S. Crespi, Doni al confine del tempo, "Il Sole 24 ore", maggio 1994;

A. Donati, L’angelo poetico della solitudine, "Il Giorno", 26 gennaio 1994;

R. Copioli, Figli innamorati del proprio destino, "Avvenire", 28 ottobre 1995;

M. Liberatore, Il male, una provocazione estetica nei racconti di Roberto Carifi, "La Clessidra", n. 1, 1995;

S. Crespi, Chiaroscuro con lampada e scialle, "Il Sole 24 ore", 15 ottobre 1995;

G. Conte, Chi son? Sono un poeta, "Il Giornale", 16 ottobre 1995;

A. Ugolotti, Il dolore nelle sillabe, "La Gazzetta di Parma", 10 gennaio 1996;

A. Donati, Roberto Carifi: un angelo in esilio, "Avvenimenti", 28 agosto 1996;

U. Piersanti, Il figlio, "Tutto Libri", 25 novembre 1996;

P. Bigongiari, Carifi: parole e voce di Figlio, "La Nazione", 5 gennaio 1996;

A. Torno, Quel contratto da verificare, "Il Sole 24 ore", 6 aprile 1997;

R. Copioli, Carifi: angeli sospesi tra essere e abbandono, "Avvenire", 12 dicembre 1997;

G. Tesio, Un neoromantico invoca il cuore, i sogni, l’addio, "Tutto Libri", 19 novembre 1998;

M. Fortunato, Amore d’autunno, "L’Espresso", n. 43, 29 ottobre 1998;

P.F. Iacuzzi, Morte di madre. Quando la poesia "riversa la vita", "Il Giornale", 5 ottobre 1998;

R. Copioli, Carifi e l’elegia di uno stile semplice", "Avvenire", 24 ottobre 1998;

U. Cecchi, Quei legami vitali tra figlio e madre, "La Nazione", 6 ottobre 1998;

S. Crespi, Carifi: tra infelicità e silenzio, "Il Sole 24 ore", 27 settembre 1998;

S. Ramat, Un dolcissimo amore d’autunno, "Il Giornale", 18 settembre 1998;

D. Fiesoli, Carifi e l’estetica dell’amore, "Il Tirreno", 18 ottobre 1998;

E. Zucchi, Dalla parte del cuore, "Gazzetta di Parma", 19 novembre 1998;

E. Coco, Roberto Carifi, Rivista de Literatura del centro cultural, n. 3, Malaga, junio 1998;

F. Desideri, Un dialogo a distanza sull’alterità del figlio, introduzione a R. Carifi e U. Buscioni, Figure dell’abbandono, maschiettoemusolino, Siena 1998;

M. Merlin, Il pathos del sublime: la poesia di Carifi, "Atelier", n. 15, settembre 1999;

D. Fiesoli, Europa, "Il Tirreno", 15 dicembre 1999;

B. Garavelli, Addio alla madre, "Avvenire", 8 gennaio 2000;

G. Colotti, Europa, "Il Manifesto", 8 gennaio 2000;

R. Bartoli, La religiosa tragicità di Carifi, "Poesia", n. 137, marzo 2000.

da AMORE D’AUTUNNO (Guanda, Milano 19989

Esatta è la parola

che viene a noi dal bene,

che afferra come la mano del destino

e piega le ginocchia

e l’uno all’altra ci abbandona.

Se resta un’ombra, amore,

non sarà l’ombra del peccato

ma quella che protegge dalla luce estrema,

che custodisce lo sguardo di chi ama.

A volte il tuo viso muta,

un fragile tremore bacia le tue labbra:

soltanto il bene si mostra così,

nella minuscola piega della pelle,

nel battito sottile dello sguardo.

Il male non ha rossori,

nulla lo lascia impallidire

e si nasconde.

http://www.italian-poetry.org/Carifi.htm
http://www.italian-poetry.org/index_principale.htm

1 commento:

Prof. Anderson ha detto...

Adorei seu blog Misa, agora preciso aprender italiano. Beijos

PS.: bonito o livro em forma de borboleta.